Crea sito

DOMÉNEGA VEGNÎ DA MI: FÆMÔ ’NA DEMÔA. (Domenica venite: vi invito ad un … party).

‘N camàllo co-o pagétto – Immagine dal sito istituzionale del Comune di Genova

Questa volta la burla non è tale fino in fondo.  I benefici per le parti sono reciproci, sia pur con un forte squilibrio.  Si potrebbe parlare semmai di patto leonino.  D’altra parte nella vita si incontra SPESSO qualcuno che offre uno per poi, subdolamente, esigere tre.

         £$%&£$%&£$%&

Zéuggia, doî novénbre do 1961, òstàia da  Angiolìnn-a. (Giovedì 2 novembre del 1961, osteria dell’Angiolina).

Oggi, giorno di commemorazione dei defunti – o dì di mòrti –,  tutto il paese di San Biagio in Valpolcevera nel primo dòppoprànso (pomeriggio) si è avviato verso il piccolo canposànto.  Le dònne con i fìggiœu sono impegnati nel riordino delle tónbe: poi andranno alla funzione del vèspro.  Gli uomini, dopo una capatina veloce al canposànto, si sono rifugiati nell’ òstàia.   Durante la notte ha cominciato a spirare la tramontànn-a, dopo giorni di macàia, facendo precipitare a tenperatûa e rendendo finalmente il tempo asciutto.

Lì. fra lànpæ de vìn cancarón (bicchieri di vino scadente), fervono le conversazioni saltando di palo in frasca, come d’uso fra alêgri da-o vìn (alticci).

«Belìn che fréido!» (caspita se fa freddo).

«Va bén coscîe. A tramontànn-a a sciugâMi ò ancón da semenâ ’na brancâ de bazànn-e.  Sàbbo son de tùrno de matìn. Se sciuga a tæra e sotero.»  (Va bene così. La tramontana asciuga. Io devo ancora seminare una manciata di fave. Sabato ho il turno al mattino. Se il terreno asciuga le interro).


«Mi ò vìsto a-o canposànto o Néstin … co-o  capòtto!» (al cimitero ho visto Ernesto … col cappotto!) – Interviene un altro appena sopraggiunto.  Gli avventori scoppiano a ridere: si pensava, in quel contesto, che indossare il cappotto fosse segno di effeminatezza. Così dal fondo del locale:

«Mi ò sempre dito che o Néstin o l’è ‘n mêzo bolìccio»  (Io ho sempre pensato che Ernesto sia omosessuale).


«Ti o sæ quæ diferénsa gh’è fra Sàn Giâxo e a Rùscia?» (Sai che differenza c’è fra San Biagio e la Russia?)

«?!?»

« A Rùscia a Gagarin, Sàn Giâxo o gh’à Garùn».

La battuta gioca sulla pronuncia dialettale: Gagarin, primo uomo nello spazio pochi mesi prima; Garrone la raffineria petroli che da un decennio e più dai piedi della collina ammorbava l’aria del paesello.


Si apre la porta e, accompagnato da una ventata gelida, entra o Dèlmo (Adelmo): un omaccione di 90 chili per 1 metro e 80 di professione muratore e “a tempo perso” conduttore da tæra (della terra, qui intesa come podere) da Carlìnn-a, seu mogê  (della Carolina, sua moglie).  Il nuovo entrato concentra su di sé l’attenzione di tutti: cessano le chiacchiere.

«Ah! … seî chîe a béie do cancarón? … Doménega ò intençión de asazâ o mæ vìn  nêuo.»  (Ah! siete qui a bere ‘sto vinaccio? Domenica intendo assaggiare il mio vino novello.)  afferma Dèlmo avvicinandosi al tavolaccio che fungeva da bancone.

«E … semmo  invitæ?» (Ci inviti?). «Segûo!» (Certo) risponde prontamente il Dèlmo.

A ræ (la rete) era buttata.  I pesci stavano per entrarvi.

«Dæmene ‘n gòtto, Giolìnn-a, da vòstra porcàia. Giànco, eh! » (Angiolina datemi un bicchiere della vostra porcheria. Bianco). Disse Delmo; poi continuò.  «Se vegnî doménega fæmô pròpio  ’na bèlla demôa: vìn noêlo, poén da Carlìnn-a, salàmme do mæ.  Vegnî, ma portæ ‘n sàcco pe fâ o pagétto: voéi inandiâ quàrche èrbo de pèrseghe, ma gh’ò da cóffezâ ‘n tochétto de sótta a-o stàggio di pòrchi.  Dêxe menûti e emmo finîo.»  (Se verrete domenica faremo proprio una bella festa: vino novello, pani fatti in casa dalla Carolina, salame fatto da me. Venite, ma portatevi un sacco per fare il “pagetto”[1]: vorrei trapiantare qualche pesco, ma devo “coffezzare”[2] un pezzetto di terreno sotto la porcilaia. Dieci minuti e finiamo,)


La domenica successiva nel primissimo pomeriggio una allegra squadra si presenta, con un sacco sottobraccio. a casa della Carlìnn-a, era lei la padrona e così veniva definito il casale, nonostante la stima che tutti avevano per Dèlmo..

« Bén, bén: seî za chîe!» gongola Dèlmo « Òua aciapemmo ‘n gòtto de vìnetta, sedónca no camalemmo ciûe. Dêxe menûti de travàggio, dapeu fæmô a demôa.»  (Bene, bene, siete già qui! Ora prendiamo un bicchiere di vino annacquato, altrimenti non lavoriamo più.  10 minuti di lavoro, poi facciamo la festa).

Si avviarono alla porcilaia, sotto la quale si estende la fascia.

«Quànte ti n’œ fâ Dèlmo? Chi de sótta gh’è ‘na fàscia làrga armêno trénta mêtri e  prefónda vìnti …! »  (Quanto terreno vuoi preparare Adelmo? Qui sotto la fascia è  larga almeno 30 metri e profonda 20 …!).

«Tùtta! … Fòrsa che prìmma se  incomensâ prìmma se finîsce!  Poi fæmô a demôa.»

«O belìn, … âtro che a demôa: chi fæmô néutte!»


[1] Non sono riuscito a trovare un termine equivalente nella lingua italiana. Si tratta di un involto di panno o altro – nel nostro caso un sacco – che viene posto a protezione del capo e delle spalle quando si trasportano grossi pesi. Vedi figura.

[2] Altro termine di difficile traduzione. Provo con la descrizione.  La ripidezza delle fasce sulla collina Ligure pone un grosso problema: il terreno, smosso dalla zappa, può essere dilavato e disperso dalle piogge.  Per ovviare. prima di iniziare con la zappatura, si apre una grossa cava nella parte bassa della fascia ed il terreno di risulta, a spalle con grossi cesti “le coffe” da cui cóffezâ, viene portato sulla testata della fascia stessa. Ciò permette di tenere un buon livellamento del terreno mantenendone inalterata la pendenza.