Crea sito

ALLA MADONNA (QUELLA SENZA AGGETTIVI).

Risultati immagini per madonna maria michelangelo
La Madonna trasgressiva di Michelangelo.

17 gennaio. Sant’Antonio Abate. Si tolgono gli addobbi Natalizi. Si smontano i Presepi. Nonna Edy ci regala queste sue riflessioni.   DI EDIM26

—–()()()—–

Si spengono le luci del Natale, il Presepe si svuota, se ne vanno i pastori, le pecore ed anche i Magi.  Restano un bimbo appena nato e la sua mamma con tutte le gioie e i problemi che l’aspettano.

L’ambientazione, abbiamo visto, non è incoraggiante.  Fa freddo, ci sono impegni importanti. immediati: alimentazione, cure fisiche, protezione da mille pericoli in agguato.  La piccola, giovane donna affronterà con coraggio, abnegazione, amore tutte le difficoltà che incontrerà. stretta al suo bambino.  Questa è Maria: la figura di mamma a cui fanno riferimento tutte le mamme del mondo.   Non esistono ansie né paure: l’amore è più forte di tutto[1].

IL SIGNIFICATO (PER ME).

Diventa quasi incomprensibile l’affanno con cui la liturgia Cristiana ha voluto sacralizzarne la figura con un artificio retorico che ne attutisce il valore.  MADONNA. VERGINE – MADRE.  Termini simbolici: verginità, come purezza; maternità, come vita.

La sovrapposizione dei due concetti contrastanti (biologici e filologici) si cancellano a vicenda in una aporia.  Ne soffre l’accettazione logica, per cui si ricorre “toto corde” alla fede nel mistero.  Maria diventa mito che spiega il moltiplicarsi della sua immagine: quadri, statue, canti, cattedrali, città.  Le vengono attribuiti miracoli, vaticini, accettazione di (molto terreni) oggetti votivi.

La figura di Maria → Madre  →  Madonna rifulge, in tutto il suo splendore, nel dare coscientemente tutta se stessa, anima e corpo, alla vita, al suo messaggio rivolto al mondo.  E’ lei il raccordo sublime tra terra e cielo: la immanente difficile realtà e l’eternità che ci trascende.

 

 

[1] http://www.uomoplanetario.org/2011/12/maria-donna-trasgressiva-che-rompe-le-tradizioni/. Di Alberto Maggi (Ancona, 6 novembre 1945): teologo, biblista cattolico, religioso dell’Ordine dei Servi di Maria.