Crea sito

BREXIT – PRIMO GIORNO.

Risultati immagini per brexit
Con Brexit la Manica si allarga, spingendo il Regno Unito in una deriva economica verso gli USA.

L’uscita di UK è una sconfitta o una opportunità?

—–()()()—–

Nel primo giorno dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea c’è chi, dalle nostre parti, ha festeggiato con “Smentiti tutti i profeti di sventura che avevano previsto catastrofi economiche” – M.Salvini su twitter il 1 febbraio -, perdendo ancora una volta, per voglia di propaganda, l’occasione per tacere.    Come se chi, vedendo qualcuno precipitare senza paracadute da un aereo che voli a 9.000 metri, commentasse dopo 1 secondo: “Vedete, non gli sta succedendo nulla!”.

I primi effetti della Brexit, sia in UK che in UE, li cominceremo a vedere dal 2021, quando diventerà operativa, constatandone la concreta applicazione sulla circolazione delle persone e delle merci.   La Gran Bretagna potrebbe diventare la longa manus economica degli USA in territorio Europeo, se Bruxelles non vigilerà attentamente.   In ogni caso questa uscita segna una sconfitta per l’unità del Continente.  Inutile cercare la colpe: come nelle separazioni nel matrimonio queste sono spesso, anche se non nella stessa misura come nella fattispecie, suddivisibili.

Esiste, di contro, una opportunità.  Sappiamo che la presenza di UK è stato uno dei freni all’avvio di un passaggio della UE verso una maggiore integrazione, di passi più concreti, decisivi verso una vera Confederazione.   Da Londra sono arrivati gli stop determinanti ad una politica estera, ad una difesa, ad una politica economico-fiscale comuni.   Ora sta all’Europa far procedere a passi più lesti e decisi il processo nella auspicata direzione della creazione degli Stati Uniti d’Europa.   Serve convinzione e lavoro comune.