Crea sito

CHI AFFOSSA L’EUROPA?

Ultimatum della Corte Costituzionale tedesca alla Bce

Spinte contrastanti stanno per frantumare il disegno unitario Europeo .

—–()()()—–

Il disegno di disgregazione  dell’Unione Europea che non è finora riuscito ai sovranisti potrebbe essere conseguito dalla pandemia COVID.

Paesi come l’Italia, duramente colpiti dal contagio e privi di margini di manovra per le pessime condizioni pregresse dei propri bilanci pubblici, chiedono alla Banca Centrale Europea la sottoscrizione senza condizioni delle proprie emissioni di titoli pubblici.

Se ciò avverrà la massa monetaria circolante aumenterà, provocando un balzo inflazionistico non solo nei Paesi Mediterranei, ma in tutto il sistema economico Europeo.

Questa eventualità sarà inaccettabile per i Paesi del Nord che non vorranno di fatto accollarsi, tramite la tassa occulta dell’inflazione. i disavanzi dei Paesi del Sud.   Chi dunque pensa di trasformare di fatto la BCE in prestatore di ultima istanza mediante la sottoscrizione illimitata dei propri titoli pubblici ( da noi principalmente Lega e Movimento 5 Stelle), tenga conto del rischio.

Un contraccolpo si è già fatto sentire con la Sentenza della Corte Suprema Tedesca[1]: la corda troppo tirata potrebbe spezzarsi e travolgere ogni disegno unitario Europeo.  Chi ha orecchio per intendere, intenda!

Non diamo pretesti, né nascondiamoci in puerili giustificazioni.  La richiesta Italiana di aiuti tramite la BCE deve essere accompagnata da precisi provvedimenti di futuro contenimento del disavanzo (ad esempio con una decisa lotta all’evasione e all’elusione fiscale, con il varo di una politica industriale, con il taglio della burocrazia) per non correre il rischio della porta sbattuta in faccia.

 

 

 

 

 

[1] https://www.money.it/QE-sentenza-tedesca-inizio-della-fine