Crea sito

CHI TUTELA L’EVASIONE?

Risultati immagini per evasione fiscale
Oltre 100 miliardi di evasione e qualcuno si chiede se siano opportune le previste misure di lotta al contante …. tutelando di fatto gli evasori.

Grandi polemiche all’indomani del varo della manovra.

—–()()()—–

C’è, anche all’interno della maggioranza, un partito che tutela l’evasione?   Io credo proprio di sì.   Tutti sanno che l’uso del contante è lo strumento tipico di quella che viene definita “piccola evasione” o, addirittura “evasione di sopravvivenza”[1].

Io mi chiedo come sia possibile puntare il dito contro una misura che tende a recuperare al fisco e, quindi, al cittadino un’evasione di oltre 100 miliardi di Euro (200.000 miliardi delle vecchie lirette, tanto per dare un metro ancora più concreto)[2],   E ci sono stime che superano questa valutazione.

In prima fila in questa battaglia contro le restrizioni dell’uso del contante troviamo il M5Stelle e Italia Viva[3].   Non sono stupito dell’ostilità dei 5Stelle: il Movimento trova nel Mezzogiorno la sua base elettorale e lì l’evasione, il non rispetto delle regole, il lavoro nero trovano la loro massima esaltazione.

Perplesso rimango per la posizione di Matteo Renzi: poi ricordo che uno dei primi atti del suo Governo (da me criticato, nonostante il giudizio complessivamente positivo che do di quell’esecutivo) fu di alzare la soglia dell’utilizzo del contante a 3.000 Euro.

Per carità di Patria non cito le posizioni in proposito del precedente Governo giallo-verde, da me esposte in questo post[4]: tutte previsioni puntualmente verificatesi (ed anche qualcuna in più).

La giustificazione che trovano questi “numi tutelari” dell’evasione è che prima occorre colpire la “grande evasione”[5].   Purtroppo su questa grande evasione gli strumenti che hanno i singoli Governi sono piuttosto scarsi.   Non si impediranno gli spostamenti di comodo di sedi sociali (vedi FIAT) all’estero;  non si riusciranno a tassare, se non in minima parte, i proventi dei grandi operatori del web (Amazon, Google) se a livello Europeo non riuscirà ad avere una posizione comune sui “paradisi fiscali” senza una concertazione internazionale.  Paradisi fiscali che non sono solo in qualche improbabile isola Caraibica, ma anche in quelli sul nostro Continente (Eire, Olanda, Liechtenstein, Lussemburgo).  Ora che è Ministro degli Esteri a questo dovrebbe dedicarsi Di Maio, anziché ficcare il naso dove non gli compete e sbandierare come sua grande proposta innovativa “galera agli evasori”:  qualcuno gli comunichi che in base al decreto legislativo n.74 del 10 marzo del 2000 il carcere per gli evasori esiste già …..  Quanto a Renzi: beh, si spieghi meglio! …

 

[1]  Espressione usata da Stefano Fassina, Vice Ministro dell’Economia nel Governo di Enrico Letta https://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/25/evasione-fiscale-viceministro-delleconomia-fassina-ne-esiste-di-sopravvivenza/666629/

[2] https://thevision.com/attualita/evasione-fiscale-italia/

[3] https://www.ilsole24ore.com/art/su-contanti-e-quota-100-maio-e-renzi-pronti-dare-battaglia-parlamento-ACMP4Xs

[4] http://giuli44.altervista.org/governo-dellevasione/

 

Una risposta a “CHI TUTELA L’EVASIONE?”

  1. Come ad ogni finanziaria, si ripropone la scenetta della lotta all’ evasione. Quest ‘ anno i 5 s per fare un po’ di scena, vogliono le manette per gli evasori. In Italia in galera non ci va neppure chi uccide padre, madre, moglie e figli. Figuriamoci quanti evasori vedranno le manette.

I commenti sono chiusi.