Crea sito

DISSE IL BUE ALL’ASINO…

Immagine correlata
Disse il bue all’asino

Nel teatrino pre-elettorale Europeo l’iniziativa passa a Di Maio che accusa Salvini di posizioni troppo di  destra.

—–()()()—–

“Disse il bue all’asino: «cornuto!»”. Ecco in questo vecchio proverbio io vedo l’essenza della polemica in atto fra M5Stelle e Lega.  Il primo accusa (giustamente) il secondo di essere su posizioni di estrema destra, vicine alla xenofobia.

Nello stesso tempo non ricorda di essere posizionato, nel Parlamento Europeo, nel gruppo dell’ EFDD (Europe of Freedom and Direct Democracy Group, Europa della Libertà e della Democrazia Diretta) un gruppo al quale fanno riferimento buona parte dei partiti di destra, spesso estrema e xenofoba, dell’Europarlamento.

Un Gruppo nel quale prevale l’euroscetticismo, spesso la volontà esplicita di rompere l’Unione.  Un gruppo dal quale, è pur vero, il M5Stelle si è spesso separato in sede di voto, ma tant’è lì siede.

Vediamo chi c’è in questo Gruppo.  Partiamo anzitutto dal Presidente del Gruppo: l’Inglese Farage, capo dell’UKIP, che più di tutti ha più pressato per la Brexit.  I Democratici Svedesi, esponenti della destra xenofoba svedese, anche se lo scorso luglio se ne sono alltontanati.  I tedeschi del partito di estrema destra Alternativa per la Germania, noto non  solo per le sue posizione anti islam e anti immigrati, ma per una certa tolleranza verso gli anni di Hitler. Infine il Partito Ceco dei Liberi Cittadini, quello polacco di Korwin e quello della destra lituana di Ordine e Giustizia.

Vista la situazione trovo appropriato il detto del bue che dà del cornuto all’asino e  quell’altro proverbio “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”.   Questo in barba alla sceneggiata, ovviamente senza contraddittorio, dell’ineffabile Di Maio a Che Tempo Che Fa.  Altro che “noi non siamo né di destra né di sinistra”.

Esibizione a fini spudoratamente elettorali per trattenere l’adesione al proprio simbolo di chi, dal PD, ha scelto quella via per protesta, leggerezza o odio a Renzi.  Dopo le urne tutto tornerà come prima e i nostri litiganti torneranno a spartirsi le spoglie di quel che resta di questo sciagurato Paese.