ETTORE NON DEVE MORIRE

Immagine correlata
Gli Dei ci donano questo cavallo con dentro reddito di cittadinanza e flat-tax. Quanto era stupido Ettore a combattere!

ETTORE NON PUO’ MORIRE.

Il populismo conquista il Paese come gli Achei fecero con Troia. Ma Ettore non è morto: è pronto a difendere la cittadella della civiltà, della solidarietà e di un futuro oltre le nostre generazioni.                              ________________________________________________________

Adolescente a scuola leggevo l’Iliade ammirando non, come quasi tutti i miei compagni Achille, l’eroe invincibile e per me fasullo perché invulnerabile, ma Ettore, l’uomo che ama la sua famiglia, che, suo malgrado, è costretto a battersi per essa e la sua città.  Ettore che smaschera l’efebico e presuntuoso Patroclo, Ettore che verosimilmente non sarebbe caduto nell’inganno di Ulisse.

Ma che c’entrano Ettore, Patroclo, Ulisse e Achille con i nostri giorni?  Io un nesso lo vedo.

Gli Achei invasori di oggi sono i Salvini (feroce come Achille), Grillo (astuto come Ulisse), Di Maio (illuso e con insegne non sue, come Patroclo).

Essi si accingono a formare nel caos un Governo per questo Paese in confusione.  Non credo che questo Governo possa ottenere buoni risultati, visto che quando si occupa delle cose specifiche (vedi ILVA) si rifugia in generalizzazioni vacue e fiduciosi slogan. E non credo che questo Parlamento possa fare la cosa giusta per il nostro Paese.

La comunità che si sente lasciata indietro, che è piena di preoccupazioni, di timori amplificati ad arte è ben rappresentata da questo Parlamento, dove non gli eccellenti con le loro migliori idee prevalgono.   Ha vinto Ulisse, facendosi aprire con l’inganno le porte; ed ha vinto Achille con la sua incontrollata furia (Patroclo non conta).

Gli Achei (Lega, M5S) rivolgono le loro energie a battaglie di retroguardia: la conservazione ad oltranza di privilegi visti come diritti acquisiti, il facile consenso con promesse irrealizzabili.  Mostrano indifferenza verso i giovani: quale Paese può mai costruire il proprio successo contro gli interessi delle giovani generazioni?  Pensano che l’Occidente sia sbagliato; che chi si oppone all’Occidente ha ragione e se  fa qualcosa di male è perché è stato l’Occidente a provocarlo. Quindi applausi e appoggio a Orban, Putin e compagnia!

Le loro energie sono più rivolte a ottenere il potere che non a costruire un programma che ampli e rafforzi i servizi pubblici, promettono più soldi (salario di cittadinanza, flat-tax) senza che nulla cambi per il meglio.  Nel loro programma (ma non si potrebbe coniare un nuovo termine per le folli schifezze che sentiamo?) manca qualsiasi indicazione per il rafforzamento dell’istruzione, per l’avvio dell’istruzione continua rivolta a tutti che elevi il modesto livello culturale del Paese, che lo faccia uscire da quella soggezione culturale che fa sentire il cittadino Italiano inferiore rispetto agli altri cittadini Europei.

Questo misero modo – tegnon l’anime triste di coloro – che visser sanza ‘nfamia e sanza lodo” (Dante, Inferno, Canto III). Su questa schiera di ignavi, pronti a seguire qualsiasi lurida insegna hanno fondato il loro successo!  Perché dunque cambiare, elevare il tenore culturale di un popolo che più bue è più pronto sarà a seguirli?

Ed Ettore dov’è finito?   Ettore non è rappresentabile oggi con una persona.   L’Ettore della Sinistra deve ancora mostrarsi. La sensazione è che nei leader della Sinistra (e tra i suoi sostenitori) ci si impegni più a lottare gli uni contro gli altri, piuttosto che contro l’avversario. Nell’impegnarsi più a mettere in cattiva luce persone che hanno lavorato per il Paese, che a contrastare populisti e pericolosi arruffapopolo.

Allora? Troia cadrà in fiamme? No, finché ci saranno persone che pensano con la propria testa:  gli irriducibili col loro buon senso, l’amore per le loro famiglie, perchè i figli non abbiano un futuro peggiore del presente, per la civiltà che non deve arretrare.

Ettore siamo noi, gli irriducibili che non si lasciano trascinare dal carro del vincitore.   Ettore vive!

 

 

 

 

Precedente GIALLI, VERDI, FATTI Successivo I DIOSCURI SONO SCOPPIATI?

Lascia un commento

*