Crea sito

FASCISMO: IL VIRUS MUTANTE DELLA STORIA.

Risultati immagini per commissario montalbano
Il commissario Montalbano, “creatura” di Andrea Camilleri.

Come afferma Andrea Camilleri nella sua grandiosa intervista[1], al limite dell’epico.

—–()()()—–

Magistrale intervento di Andrea Camilleri: “Il fascismo è un virus mutante, può anche essere una mentalità. Oggi al governo abbiamo un esempio di mentalità fascista, quella del Ministro Salvini”.  Mi sono posto più volte la questione, rispondendo, volta a volta, in maniera simile, anche se con minore potenza espressiva rispetto a Camilleri.

Vero è che, insieme alla netta condanna del sovranismo di Salvini e alla irrisione con cui questo jólasveinar guarda al 25 aprile, il nostro Camilleri non si pronuncia sulle sospette conversioni antifasciste dei populisti con le stelle.   Omissioni? Presa di posizione voluta?  Non lo sappiamo, Camilleri non ce lo dice.

Confinato il partito di Salvini nella terra degli orchi, dobbiamo esaminare se sia possibile, anzi conveniente per il Paese, aprire un dialogo con i pentastellati.   Dialogo che non può voler dire alleanza, ma ricerca politica di punti di incontro, magari per arrivare a elezioni politiche anticipate[2].

L’avvicinamento potrebbe portare ad una frattura, forse una scissione sciagurata, nel PD, ma lo stesso potrebbe avvenire nei 5 Stelle[3].  Le posizioni del Movimento sono quanto di più vicino posso immaginare al sansepolcrismo[4] , nutrice e matrice del fascismo, nel 1919.  Per questi motivi un previo, anche se improbabile nell’imminenza, passaggio per le urne[5], appare necessario, non fosse altro per dichiarare con chiarezza le rispettive posizioni.

Questo quadro confuso, poco rassicurante, non deve però gettarci nella disperazione dell’inerzia: il metodo democratico è ancora, fortunatamente, vigente.  Sbarrare la strada, far argine contro metodologie, posizionamenti antidemocratici è possibile.  Ricordiamocene quando andremo a deporre la nostra scheda nelle urne il 26 maggio.  Vincere le elezioni con lo strumento democratico per poi passare ad altro: è accaduto nel 1922, facciamo sì che non si ripeta a un secolo di distanza.

 

 

[1] https://www.michelesantoro.it/2019/04/camilleri-25-aprile-salvini-fascismo/

[2] Parere suggerito fra le righe anche da Standard & Poor’s https://www.milanofinanza.it/news/s-p-improbabile-un-grave-downgrade-dell-italia-piazza-affari-in-lieve-rialzo-201904300859568968

[3] https://www.stopfake.org/it/il-movimento-5-stelle-e-le-sue-contiguita-con-il-fascismo/

[4] Così Eros Francescangeli: “Dico subito che il primo fascismo, quello sansepolcrista, personalmente non lo considero un movimento di tipo fascista vero e proprio (ossia storiograficamente inteso) ma qualcosa di diverso. Il movimento fondato da Mussolini, benché abbia in nuce qualcosa che poi si svilupperà nel senso che poi abbiamo conosciuto, è differente dal fascismo del 1920-21 in poi.”  in un suo intervento nel giorno della memoria 2009.

[5] Il passaggio per il voto anticipato non sarebbe gradito a un gran numero di Parlamentari che maturano i diritti a quel che rimane del vitalizio non avviene prima del settembre  2022.