Crea sito

GOVERNO DEL CAMBIAMENTO.

Immagine correlata
Governo del cambiamento o patto d’acciaio con Orbàn?

Così si autodefinisce il Governo Conte-Di Maio-Salvini. Ma quale cambiamento?

—–()()()—–

Il #Governo del Cambiamento, come si autodefinisce l’attuale Esecutivo, porta avanti un disegno ondivago nelle sue iniziative.  Sembra un riassunto impossibile delle peggiori tesi di Bertinotti e Mussolini.  Helicopter money https://www.borsaitaliana.it/notizie/sotto-la-lente/helicopter-261.htm  di stampo Governativo con provvedimenti come il reddito di cittadinanza,  contraddetto con un altro helicopter money come la flat tax.  Nazionalizzazioni di aziende decotte (Alitalia) e nazionalizzazioni di rappresaglia per coprire la culpa in vigilando degli organi dei Ministeri (Autostrade).

Una contraddizione di termini ed iniziative, con l’adesione a tesi sovraniste che puzzano lontano un miglio di autarchia.  Alcuni propongono l’istituzione di dazi: tesi ridicola per un Paese esportatore netto, non fosse che vengono da un Sottosegretario.  http://www.ilgiornale.it/news/politica/e-carroccio-torna-carica-sui-dazi-1568720.html .

Ciliegina sulla torta l’accoglienza ad Orbàn  http://giuli44.altervista.org/europa-centrale/, le cui tesi sono ispirate ad un pericoloso nazionalismo che, spinto all’eccesso, potrebbe addirittura portare ad una guerra ai nostri confini.  Senza arrivare a tanto Orbàn è soggetto a procedura di infrazione dalla UE per i suoi provvedimenti discriminatori https://www.ilfoglio.it/esteri/2018/07/19/news/la-commissione-europea-da-due-mesi-a-orban-per-cambiare-linea-sui-migranti-206481/ .  Ciononostante viene accolto come un Vate da Salvini che da Orbàn riceve questo plauso «Salvini è il mio eroe e da lui dipende la sicurezza dell’Europa», qualcosa che ricorda le lodi ammirate di Hitler per Mussolini.

Siamo dunque alla vigilia di una rottura dell’Europa con una adesione dell’Italia al Gruppo di Visegràd?  http://giuli44.altervista.org/europa-centrale/.  Questo vorrebbe dire far precipitare l’Italia indietro di un secolo, alla vigilia dell’avvento del Fascismo.  Non negli stessi termini, ovvio, ma con parole d’ordine identiche: sovranismo, odio per le potenze plutocratiche (oggi la Unione Europea), l’intolleranza per ogni minoranza (non mi riferisco solo a “negri”, ma anche, per es., alla genitorialità http://www.adnkronos.com/fatti/politica/2018/08/10/salvini-alleanza-che-rifarei-domattina_vsw0z6VMVG6Gt2YlETwu3N.html ). E in agguato poi, la madre di tutte le sconfitte, l’economia Italiana non sta crescendo, complice il fuggi fuggi dall’Italia degli investitori, nazionali ed esteri, spaventati dalla inconsistenza e pericolosità del #Governodelcambiamento.