Crea sito

HELICOPTER MONEY.

Risultati immagini per Helicopter money
Ma i soldi con l’helicopter money possono veramente ridestare la vecchia Europa (e ancor più l’Italia) dal suo letargo economico?

Cioè soldi distribuiti indiscriminatamente nella speranza di un rilancio dei consumi e di una ripresa dell’inflazione..

—–()()()—–

L’argomento dell’helicopter money appare periodicamente sotto traccia e, sostanzialmente, nel silenzio dei grandi media.   Ho studiato, ahimè molti anni orsono, un po’ di economia e nel corso degli anni mi sono dedicato alla materia da autodidatta, leggendo vari libri e articoli in proposito[1].  Non scrivo, dunque, da esperto, ma da persona “informata sui fatti”, come direbbe qualche amico leguleio.

Vediamo intanto di che cosa si tratta: Helitcopter money è una politica monetaria basata sull‘accredito di una data somma di denaro a ciascun cittadino, al fine di aumentare l’inflazione[2].   Ora pare che questo tipo di politica stia per essere concretamente preso in considerazione dalla Banca Centrale Europea in sostituzione del Quantitave Easing, misura questa invisa ai Paesi del Nord Europa[3].  Il tutto in ossequio alle teorie monetariste più spinte (e che nessuno ha mai avuto il coraggio di applicare).  Monetarismo che però, senza questo estremo provvedimento, è stato applicato in tutto l’Occidente (mi permetto di dire con effetti molto negativi) a parte dagli anni ’90.

Se la BCE attuasse per questo tipo di soluzione estrema, dando 200 Euro mensili a tutti i cittadini, per l’Italia avremmo la corresponsione di 144.000.000.000[4] (144 miliardi di Euro) per un anno.   Il tutto senza alcuna garanzia che questa valanga di denaro venga effettivamente spesa (qualcuno potrebbe risparmiarla); che venga spesa in beni e servizi prodotti in Italia (portando ad uno sconquasso della bilancia commerciale e nessun vantaggio occupazionale sul territorio); che non porti ad una iperinflazione (visto cosa è successo con gli introvabili seggiolini antiabbandono?).

Ora da parte mia (sarà effetto della età) non riesco a non pensare a cosa potrebbe succedere se, seguendo le “antiche” ricette Keynesiane, questo danaro fosse indirizzato al bene pubblico.  Viviamo in un Paese di conclamata fragilità ambientale e sociale.  Penso nel primo caso, alle recenti inondazioni e frane che ci hanno colpiti; al fatto che una città come Napoli è costruita in buona parte nella caldera di un vulcano ai Campi Flegrei; al fatto che un sisma di (tutto sommato) bassa intensità rada al suolo intere città.  Nel secondo caso alle opere pubbliche insufficienti: alle ferrovie semidisastrate in buona parte del territorio; alla urgenza di spostare sulle stesse una grossa quota del traffico che ci asfissia; alla impellenza di avere edifici più consoni al risparmio energetico; alle scuole che non hanno impianti sicuri.  L’elenco potrebbe continuare.

L’avvio delle opere relative renderebbe questo Paese migliore; creerebbe posti di lavoro diretti e, ancor più, indiretti.   Il fallimento del Reddito di Cittadinanza, che in qualche modo ricalca quella concezione, me la dice lunga: il PIL, che secondo il Governo che lo ha attuato, ne avrebbe fortemente tratto giovamento, è arretrato.   Serve altro?

 

 

[1] Cito: Francesco Forte “Manuale di Politica Economica” Ed. Einaudi.  “La voce” https://www.lavoce.info/. “Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani” diretto da Carlo Cottarelli https://osservatoriocpi.unicatt.it/cpi-studi-e-analisi-dell-osservatorio-archivio-studi-e-analisi.

[2]  https://www.borsaitaliana.it/notizie/sotto-la-lente/helicopter-261.htm  e

https://www.investireoggi.it/economia/helicopter-money-200-euro-al-mese-regalati-a-tutti-ma-come-funziona/

[3] https://www.lezionieuropa.it/soldi-gratis-torna-ipotesi-helicopter-money-la-lagarde-tra-leredita-di-draghi-ed-i-falchi-tedeschi-nemici-del-qe/ e https://www.milanofinanza.it/news/blanchard-l-area-euro-non-e-ancora-pronta-per-l-helicopter-money-201911201446599813

[4] 200 Euro/mese x 12 mesi x 60.000-000 di cittadini.