IL REATO DI ALTO TRADIMENTO ESISTE ANCORA?

Risultati immagini per banda bassotti condannati
Collaborazionisti condannati per alto tradimento.

Il Ministro dell’Interno si rivolge alla May con parole che configurano il reato di alto tradimento.

—–$$$—–

Fino alla Seconda Guerra Mondiale compresa il reato di alto tradimento era punito con la pena capitale.  Il reato si configurava come intesa col nemico o spionaggio e non si scherzava.   In tempo di guerra si veniva passati per le armi dopo un processo sommario davanti ad un Tribunale Militare.

Molto più recentemente l’accusa di alto tradimento è stata rivolta in Grecia a carico di Yanis Varoufakis dopo che sono state rese di dominio pubblico le dichiarazioni, fatte dall’ex Ministro con lo zainetto, nelle quali ha rivelato il suo piano per creare un sistema parallelo e segreto di pagamenti per favorire il ritorno della dracma in Grecia. La pena non è stata la sua testa, ma le sue dimissioni dal Governo.

Vengo ora ad una notizia diffusa ieri con scarso rilievo: Matteo Salvini incita alla durezza la Premier Britannica Theresa May nella trattativa per la Brexit.   Se non mi sono perso qualcosa l’Italia fa parte ancora della Unione Europea: ergo se la May vince nel negoziato la UE paga, ripartendo il costo sui singoli membri, Italia compresa.   Il fatto che un nostro Ministro inciti alla resistenza e dia suggerimenti alla May, in questo caso se non il nemico, l’avversario, non prefigura forse reato di alto tradimento?

Se poi Salvini si sente già fuori dall’Europa, lo dica chiaramente: ci dica quali sono le sue alternative, quali i suoi alleati futuri, quale la moneta che vorrebbe imporre al Paese, ma esca dal Governo!

Vediamo se continuare a sbandierare il blocco di qualche barcone come una grande vittoria gli consentirà di mantenere quel consenso del quale è accreditato o, se, gettata finalmente la maschera, gli Italiani vorranno ancora seguirlo.

 

Precedente REFERENDUM SULLA TAV. Successivo UOVA E PIUMINI.