Crea sito

MAGGIORANZE LIQUIDE (E PARTITI CHE VERRANNO).

Risultati immagini per scissioni partiti
Partiti che vanno e vengono. Scissioni e risse continue. Questa è ancora una Repubblica Democratica?

Con la scissione di Toti,  Renzi e i malpancisti del M5S l’Italia è pronta alle guerre tribali.

—–()()()—–

Siamo ad una svolta nel Governo del Paese?   Avremo nuovi partiti e maggioranze liquide?  Sembra che sia proprio questa la direzione in cui si muove la politica.

Questa riflessione mi è sorta leggendo questo articolo[1].  Dopo lo strappo di Toti molti attendevano l’uscita di Renzi dal PD[2] e ora si allunga l’ombra del partito di Conte.   Perché, a mio avviso, i nomi “secondari” che l’articolo del Messaggero fa, celano l’ombra del premier.  Come si vede dai nomi e dalle provenienze sono sommovimenti che riguardano salomonicamente  le tre aree in cui si divide il Parlamento.

Questo situazione nella quale i vari ras si fanno eleggere nella pancia di un partito per poi andarsene in una formazione personale, sta facendo diventare l’Italia simile a quei Paesi (Libia in testa) governati da capi tribù in perenne guerra fra di loro.

Troppi guardano alle poltrone nel Governo ma trovano comodo, per beceri interessi elettorali, tenere un piede nell’opposizione.   Intanto il Paese resta al palo, il rischio povertà diffusa aumenta e ogni capetto trova funzionale farsi rieleggere con questo giochino, limitandosi, di tanto in tanto, a gettare un osso sotto il tavolo a saziare le clientele più riottose.

Ho l’impressione che il nostro sistema di Governo più che ad una Repubblica Democratica somigli sempre più alle Signorie del Basso Medioevo.

[1] https://www.ilmessaggero.it/pay/edicola/m5s_news_scissione_di_maio_pd_renzi_ultime_notizie-4743162.html

[2] http://giuli44.altervista.org/2019-lestate-dei-due-matteo/