NO VAX, NO TAX.

NO VAX mette a rischio la salute, NO TAX favorisce gli evasori.

—–()()()—-

Con grande battage mediatico la Ministro della Salute (a Rischio), Giulia Grillo, propone l’obbligo flessibile per le vaccinazioni.  Un altro colpo messo a segno dalla cialtroneria incompetente di un membro del Governo contro il Paese.

Le soluzioni proposte, non fosse per i rischi che comportano, sarebbero più appropriate per lo sketch di un cabarettista.  La Grillo propone un obbligo vaccinale a pelle di leopardo.  Che vorrebbe dire che se hai un figlio minore e sei in una Regione ad alta copertura puoi non farlo vaccinare, ma non puoi portartelo in vacanza in un’altra Regione che abbia posizione di rischio.

Ancora più comica quella delle classi separate nelle scuole.  Come se i bambini immunodepressi fossero al sicuro inseriti in una classe di tutti vaccinati.  E se venissero contagiati andando ai gabinetti, giocando con altre classi in giardino, entrando e uscendo dalla scuola?

Quanti decessi occorrono alla Ministro per estendere l’obbligo: 1, 3, 5?  E chi sarebbe responsabile anche di una sola morte?  Capisco che il debito contratto elettoralmente con gli sconsiderati, si chiamino NO TAV o NO VAX, va saldato, ma qui parliamo di rischio della vita dei nostri figli e nipoti.

Altra grana per il Governo il finanziamento delle proprie folli promesse elettorali.  I nostri Robin Hood a rovescio si arrovellano.  Forse toccherà agli 80 Euro,  definiti a suo tempo dai nostri “mancia elettorale” di Renzi, finanziare la flat tax.  Forse salteranno tutte le detrazioni fiscali, per la gioia di evasori grandi e piccoli: così potranno ricominciare a lavorare in nero, senza clienti che chiedono fattura per i lavori in casa, in condominio, per la dentiera nuova o per gli occhiali: un piccolo sconto subito, pagamento in contanti e si evade IRPEF e IVA, “tanto non si può più detrarre niente”.

Certo il Governo potrà rispondere con Agenti in incognito e persino con Agenti provocatori, [1] ponendo così la prima pietra per un più ampio Stato di Polizia, sullo stile del loro massimo ispiratore e padrino, Vladimir Putin.   E, forse, questo è il loro vero obiettivo.  Spargere il caos, come sui migranti, per poi far passare misure che altrimenti sarebbero improponibili.

 

 

[1] vedi   http://giuli44.altervista.org/dunque-si-parte-forse/  

Precedente PERIFERIE Successivo CIBI MADE IN ITALY.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.