Crea sito

UNA SINISTRA: MA QUALE?

Immagine correlata
Cosa chiedono giovani alla Sinistra e cosa si aspettano.

Cosa chiedono i giovani alla sinistra e cosa si aspettano per rientrare a pieno nell’impegno politico. Questo è quello che vedo io nella mia personale esperienza.

—–()()()—–

Periodicamente faccio qualche discorso “impegnato”, di politica, con i miei 2 figli o i 2 nipoti.  La perplessità che sorge nei “ragazzi” (le età spaziano: uno dei nipoti ha 48 anni, il mio figlio piccolo 19) è il senso di indefinito della parola Sinistra.   Il più giovane appare, per ora più interessato a social e videogames: si fida di quanto gli viene suggerito.

Sono i più grandi coi i quali il disaccordo è maggiore: hanno un atteggiamento disincantato e a cadono nelle ovvietà più deleterie.   Vedono nella Sinistra degli ultimi Governi la parte sgradevole:: l’abbraccio ad un eccesso di liberismo, la discontinuità lavorativa, la preoccupazione per un sistema che, tutelando i padri, lascia nel vago le aspettative dei figli.

Sono queste le risposte e le proposte che si attendono da una Sinistra più incisiva e vicina.  Si barcamenano nel frattempo fra una posizione di oltranzismo radicale a sinistra e le sirene pentastellate, anche se la diffidenza di famiglia gli fa scartare quest’ultima ipotesi.  Non dissimili da loro sono i loro amici che conosco: moltissimi non vanno più a votare, qualcun altro è addirittura tentato dalla Lega[1].

Questa è purtroppo la realtà effettuale: questo quanto chiedono al PD ed alla Sinistra in genere: un richiamo a valori più aderenti ai loro bisogni, una presa d’atto della realtà più vicina al lavoro ed alle esigenze di certezza per il futuro.  La stabilità di impiego continuamente messa in forse da crisi aziendali o sistemiche.  Le retribuzioni, già di per sé inadeguate, appesantite da una tassazione a favore di pletore burocratiche cui presto si aggiungeranno i percettori del reddito di cittadinanza[2].  Le loro aspettative pensionistiche sono scadenti e non aiutate da provvedimenti come quota 100 che getta una ulteriore ombra sul loro futuro.

Questi gli argomenti cui la Sinistra deve dare una risposta.  Cessino le divisioni, le posizioni pseudo apodittiche, si facciano rientrare nella vita democratica quei milioni di persone che guardano con scetticismo distaccato i giochetti correntizi e le tentazioni frazionistiche.  Come ho più volte sostenuto il frazionismo, malattia infantile del Socialismo, si è scandalosamente cronicizzato nel nostro Paese con risultati sotto gli occhi di tutti: non a caso l’astensionismo è il maggior partito Italiano[3].

 

[1] https://www.democratica.com/focus/lega-salvini-sovranista/?utm_source=onesignal&utm_medium=notifiche.

[2] http://giuli44.altervista.org/non-gongolo/.

[3] http://giuli44.altervista.org/sinistra-e-futuro/. Purtroppo. diversamente da come auspicavo nel post, anche la candidatura Minniti è evaporata.