VERSO UNA DEMOCRAZIA ILLIBERALE MANIPOLABILE.

Immagine correlata
La fotografia della democrazia nel mondo. Da che parte vogliamo stare?

Incredibile  silenzio dei media sulle modifiche costituzionali che ci stanno conducendo ad una democrazia affievolita.

—–()()()—–

Con il silenzio (complice?) dei media si sta consumando un devastante attacco alla democrazia rappresentativa.  Mentre ogni giorno veniamo bombardati da episodi che mettono in risalto la nebulosità del Governo, la sua inconsistenza di fronte ai problemi, nessuno riferisce, apre dibattiti sull’argomento “referendum propositivo”[1].

Eppure sembra evidente che questo provvedimento è quanto di più dirompente si possa pensare per distruggere la nostra democrazia e sostituirla con la manipolazione permanente delle minoranze più attive.

I Parlamentari sono strumento di mediazione fra le cose auspicabili e quelle possibili nella società, volàno per lo sviluppo delle libertà e del benessere, non notai cui portare atti confezionati da controfirmare con la formula prendere o lasciare.  Il politico, per valutare la bontà di istanze e proposte, ha a disposizione una alta retribuzione per mantenersi, staff tecnici, organi consultivi.

Il provvedimento, fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle e accolto dalla Lega, al di là della patina propagandistica è fortemente liberticida, mettendo in mano la capacità deliberativa al semplice cittadino che ha solo i mezzi di informazione, spesso incompleti e distorti da propaganda di parte.  Dovrebbe quindi pronunciarsi, a scatola chiusa, su provvedimenti complessi e non emendabili: un caos istituzionale che ha l’obiettivo di una democrazia illiberale manipolabile.

Invito a leggere sull’argomento questi articoli[2] di approfondimento, ma anche a contattare direttamente Parlamentari affinché mettano in opera tutti i mezzi a loro disposizione per, almeno, non consentirne l’approvazione con i 2/3 dei voti onde mandare il provvedimento a referendum confermativo.

 

 

 

 

 

[1] Il 17 gennaio postavo: http://giuli44.altervista.org/referendum-propositivo/ e il 21 una scheda tecnica del Prof. Rolla http://giuli44.altervista.org/che-cosa-e-il-referendum-propositivo/ che anche sulla rete hanno riscosso scarso interesse.

[2] https://notizie.tiscali.it/interviste/articoli/intervista-ceccanti/ e https://www.corriere.it/opinioni/19_maggio_11/per-vera-democrazianon-bastano-si-o-no-b981d8d6-741a-11e9-a46f-84c039eb72db.shtml

 

 

Precedente CONSUMATA ABILITA’. Successivo L’UMANITA’ HA BISOGNO DELLA PSICOANALISI.